- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

CHI È IZTOK FURLANIC: IL “CURRICULUM” DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI TRIESTE.



Iztok Furlanic con la maglia della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.
La Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (Socijalistička Federativna Republika Jugoslavija, SFRJ) fu lo stato principale dei Balcani dal 1943 al 1992, anno della sua dissoluzione; in ambito locale vi ci si riferisce anche come "Druga Jugoslavija" ("Seconda Jugoslavia") o anche "Bivša Jugoslavija" ("Ex-Jugoslavia").
(da Wikipedia, l'enciclopedia libera) 

Non stupitevi di quanto sto per affermare: dal punto di vista della correttezza nel gestire i lavori del Consiglio comunale e per il rispetto che ha dei partiti di minoranza, Iztok Furlanic è un ottimo presidente del Consiglio comunale.

Non può, invece, rivestire il ruolo di rappresentanza dell'intero Organo consiliare (è la seconda carica cittadina per importanza dopo il Sindaco) colui che prende pubblicamente le posizioni che potete leggere qui sotto.

Sono esattamente quelle che ho letto nel mio intervento in Aula nell'ormai lontano 2011 quando, appena insediati, eravamo chiamati a eleggere, appunto, il presidente del Consiglio comunale.

Furlanic ottenne i voti di fiducia di tutta la maggioranza, PD e Sindaco inclusi. Che già all'epoca, quindi, erano stati resi perfettamente edotti su chi stavano appoggiando.

Intendiamoci: quelle di Furlanic sono posizioni personali e politiche legittime, per quanto io le giudichi aberranti. Ma questa è la mia opinione, che vale come qualsiasi altra.

Sono invece posizioni inaccettabili se chi le manifesta pubblicamente è investito del ruolo di rappresentare tutti i Consiglieri e tutti i loro elettori, di ogni parte politica.

Per questo motivo, nel 2011 votai contro la proposta del centrosinistra di eleggerlo presidente e per lo stesso motivo oggi, insieme ad altri 14 colleghi, ho sottoscritto un documento affinché Iztok Furlanic lasci l'incarico che ricopre.

E sia così libero, democraticamente, di dire tutto ciò che vuole. Ma da rappresentante politico di parte, non da rappresentante di tutti.

-------------------------------

“La Giornata del Ricordo è diventata giornata della propaganda fascista che di storico non ha nulla.”
Iztok Furlanic, 19 febbraio 2010


Bilancio di Previsione 2010. Emendamento n. 74, a firma Iztok Furlanic: stanziamento di euro 1.050.000 per riesumare le salme della Foiba di Basovizza e poterle contare. Bocciato.

Gennaio 2009: Iztok Furlanic aderisce al gruppo su Facebook “Trst je nas”.

“...provengo da una famiglia slovena, con alcuni parenti che hanno fatto parte dei corpi partigiani che il primo maggio sono entrati a Trieste per LIBERARLA dai nazifascisti. Come sloveno io non posso non considerare il 1° maggio 1945 come liberazione di Trieste.”
Iztok Furlanic, su Facebook, 2009


“(Trst je nas) Era il motto del IX Corpus e, date le mie posizioni, non nascondo che quella è l’unica data della Liberazione. Non sarà una posizione maggioritaria, ma chiedo di rispettarla in virtù delle sofferenze patite dalla minoranza slovena in queste terre.”
Iztok Furlanic, Il Piccolo, 7 gennaio 2009


«Chiedo al Consiglio comunale di commemorare il maresciallo Tito a trent'anni dalla morte» ha scritto Iztok Furlanic, segretario provinciale di Rifondazione comunista. La proposta è stata cassata in maniera bipartisan. Categorico il no del centro destra, che ha parlato di «vergognosa e inquietante nostalgia».”
Il Giornale, 8 maggio 2010

“...a suscitare critiche feroci era stato il look poco "consigliare" sfoggiato per l'occasione dall'esponente di Rifondazione Iztok Furlanic: cappellone da cow-boy e arma giocattolo inserita nel cinturone bene in vista attorno alla vita.
Il Piccolo, 20 aprile 2010


“Parte in quarta Iztok Furlanic: «Spiace osservare - tuona il segretario rifondarolo - che monsignor Crepaldi sia nuovamente intervenuto a gamba tesa su temi politici che nulla hanno a che fare con questioni spirituali. Per aiutare veramente il nostro Paese, e le amministrazioni locali in particolare, il Vaticano cominci a pagare l'Ici sugli immobili che non sono di stretto uso religioso. Non sono credente, ma se analizzo il mio pensiero, allora posso tranquillamente dire che mi sento molto più cristiano di alcuni che si professano cattolici praticanti».”
Il Piccolo, 13 maggio 2011


Dal profilo FB di Iztok Furlanic: 
Orientamento religioso: Atheist 
Orientamento politico: Komunist – Comunista 
Email: tito_sfrj@*****.com 
Share on Google Plus

About Paolo Rovis