- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

Cani al mare: ora anche a Trieste si può!

Anche i cani potranno accedere e fare il bagno lungo le spiagge e coste pubbliche triestine senza il rischio d’incorrere in sanzioni. Gli “amici” a quattro zampe potranno immergersi nelle acque del golfo fino alle 8.00 del mattino o dopo le 20.00 di sera, mentre resterà loro interdetta la balneazione nella fascia oraria 8.00-20.00, salvo che per i cani guida o di soccorso, muniti di regolare patentino. E’ questo quanto prevede la nuova ordinanza che abbiamo messo a punto al Comune di Trieste in accordo con la Capitaneria di Porto. L'ho presentata oggi assieme all'amico e collega Claudio Giacomelli ed i responsabili dell’Uncis-Onlus, Unità cinofila soccorso nautico, che fa parte della Protezione Civile.

L’ordinanza sperimentale entrerà in vigore a breve, in tempo per la stagione balneare, e consentirà quindi per la prima volta a Trieste di offrire ai cani la possibilità di fare il bagno, cosa che invece non era prevista dalla precedente disposizione, che poneva il divieto assoluto su tutte le 24 ore, ad eccezione dei cani guida e di quelli di soccorso. L’innovativo provvedimento offre quindi una positiva risposta a tutti i proprietari di cani che, anche con oltre 7000 firme raccolte dall'associazione "Crescere Insieme", avevano chiesto di poter accedere con i loro “amici” alla balneazione, magari individuando uno specifica zona della costa da destinare loro.

Ma gli spazi della riviera triestina sono limitati e già frequentatissimi: da qui la decisione di consentire, in via sperimentale, la possibilità di accesso alla balneazione degli “amici” a quattro zampe prima delle 8.00 e dopo le 20.00, sempre nel rispetto della prevista normativa in materia e, naturalmente, dei necessari criteri di buon senso e senso civico.

L'Uncis-Onlus, Unità cinofila soccorso nautico, potrà invece utilizzare nelle domeniche, dalle 8.00 alle 11.00, e nei giovedì, dopo le 19.00, del periodo maggio-giugno, un delimitato spazio dello squero del Cedas di Barcola, attualmente già interdetto alla balneazione, per realizzare i propri corsi di salvamento, propedeutici al rilascio dei patentini per i cani adibiti a soccorso in acqua.
Share on Google Plus

About Paolo Rovis