- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

TRIESTE, CASE ATER: VIA LE TASSE, COSÌ ASSEGNAMO 100 NUOVI ALLOGGI SOCIALI E DIAMO LAVORO ALL'EDILIZIA.

Alloggi popolari a Trieste.
La proposta: esentare dal pagamento di IMU e TASI gli alloggi sociali gestiti da ATER e altri enti con le stesse finalità. Impiegare le risorse così disponibili per ristrutturare case fatiscenti. Assegnare ulteriori alloggi alle famiglie triestine meno abbienti.

Questo il succo dell'indirizzo politico contenuto nella mozione - il testo integrale lo trovate qui sotto - per alleviare la pesante carenza di alloggi popolari, a fronte di una domanda purtroppo crescente.

Inoltre, l'assegnazione di nuovi lavori di ristrutturazione per (stimati) 2 milioni di euro, rappresenta una piccola ma significativa boccata d'ossigeno per il comparto dell'edilizia locale in forte crisi. A favore soprattutto delle aziende artigiane di Trieste.

L'iniziativa è stata presentata oggi da Paolo Rovis, capogruppo in Consiglio comunale, Francesco Bettio, presidente Settima Circoscrizione, Lucrezia Chermaz, capogruppo Terza Circoscrizione, Christian Puntaferro, consigliere Quinta Circoscrizione e Barbara Odorico Zuccato, capogruppo Sesta Circoscrizione. Tutti aderenti al Nuovo Centro Destra nei gruppi consiliari del PDL.

La proposta verrà discussa già giovedì prossimo dal Consiglio comunale. Vedremo in quella sede se, dopo tante unanimi parole di comprensione per la crisi sociale ed economica TRIESTINA, si manifesterà la volontà di adottare misure come questa: non certo definitivamente risolutiva, ma concreta.



---------------------------------------

MOZIONE CONSILIARE URGENTE


Esenzione IMU e TASI per alloggi ATER, ovvero per gli alloggi regolarmente assegnati dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli ATER, del Comune di Trieste.


Il Consiglio comunale di Trieste,

premette che gli alloggi di edilizia popolare sono gestiti da aziende con finalità pubblica, senza scopo di lucro, le quali rivestono un ruolo essenziale nel settore del welfare, cercando di soddisfare l’esigenza crescente di nuove abitazioni da destinare alle fasce meno abbienti della popolazione e perciò operando indispensabili interventi di ristrutturazione e manutenzione degli immobili gestiti;

rileva che le risorse a disposizione di tali aziende risentono negativamente di un’elevata tassazione che grava per circa il 30% sulle entrate da affitti e che l’importo complessivo degli oneri fiscali a carico delle ATER del Friuli Venezia Giulia ammonta a oltre 16 milioni di euro;

rileva altresì che l’importo IMU pagato dall’ATER triestina nel 2013 è stato di circa 1,7 milioni di euro, la metà – a seguito di interventi legislativi del Governo – di quanto corrisposto nel 2012 e prende atto che tale risparmio fiscale ha consentito di attuare un programma di ristrutturazione di alloggi fatiscenti del valore di 2 milioni di euro, consentendo così l’assegnazione di ulteriori 70 unità abitative;

ritiene che, allo scopo di lasciare disponibili quante più risorse possibili per le finalità sociali delle aziende gestrici gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, sia opportuno azzerare le imposte IMU e TASI sugli alloggi medesimi, recependo integralmente – per quanto attiene all’IMU – le disposizioni di cui alla L. 47/2013, art. 1, comma 707-3b, riferite agli “alloggi sociali”;

ha accertato che la misura di azzeramento, anche in riferimento alla TASI, è consentita dalla normativa vigente ed è stata già applicata in altri Comuni della Regione Friuli Venezia Giulia e pertanto

il Consiglio comunale di Trieste impegna il Sindaco e la Giunta

a disporre, in fase di redazione del Regolamento IUC (IMU, TARI, TASI), di determinazione delle relative aliquote, del Bilancio 2014 e in tutti gli eventuali altri atti pertinenti:

l’esenzione IMU e TASI per gli alloggi ATER, ovvero per gli alloggi regolarmente assegnati dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati e aventi le stesse finalità degli ATER, ovvero l’applicazione per gli stessi dell’aliquota dello zero per mille, ovvero soluzioni equivalenti.

Paolo Rovis 
Capogruppo PDL
Nuovo Centro Destra 
Comune di Trieste

Trieste, 5 giugno 2014 
Share on Google Plus

About Paolo Rovis