- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

"NON VUOI BENE AL SINDACO". L'ACCUSA DI BARBO A FARAGUNA, AMMALIATO DALLE PUSSY RIOT.


Agosto mese di ritmi lenti. E, per molti, di smanettamenti su Facebook. Attività che vede coinvolto in modo bipartisan quasi chiunque abbia un ruolo pubblico. Amministratori comunali triestini inclusi.

Così, in un impeto di creatività, anche Pietro Faraguna, consigliere comunale del PD ma, soprattutto, vicesegretario provinciale del partito di Bersani, si arma di Photoshop e si dedica al fotomontaggio. Viene ispirato dalla vicenda delle "Pussy Riot", condannate a due anni di carcere nella Russia di Putin per vandalismo e odio religioso. Ma la mente di Faraguna corre anche a un'altra brutta storia giudiziaria, seppur di tutt'altro tenore (e spessore). Quella che vede coinvolti i nostri due Marò, trattenuti ingiustamente in India e dei quali anche il Comune di Trieste chiede il ritorno in Patria, mediante uno striscione affisso sulla facciata del Municipio.

Così, il dirigente PD fonde le due cose e produce - in modo piuttosto grossolano ("volutamente grossolano" afferma l'interessato) - l'immagine che vedete qui sotto, pubblicata sulla sua pagina Facebook.
Il fotomontaggio di Faraguna.

La manipolazione fotografica di Faraguna non farà piacere ai tanti che hanno a cuore la sorte dei nostri Marò. Ma sul web riscuote un certo successo: 136 condivisioni, diversi "mi piace" tra i quali quello del sindaco (PD) di Muggia, Nerio Nesladek. E una voce fuori dal coro. Ma non una voce qualunque, poiché proviene dall'interno o, meglio dal vertice, del suo stesso partito.
È il presidente dell'Assemblea regionale del Partito Democratico, Tarcisio Barbo, che autorevolmente interviene sul post del vicesegretario provinciale Faraguna.

L'intervento del presidente Barbo.
"Evidentemente si tratta di un fotomontaggio" sentenzia Barbo (toh, chi l'avrebbe mai detto...). Ma subito il dito accusatorio dell'alto dirigente del PD punta verso il giovane vicesegretario. Al quale, senza giri di parole e con democratica sicurezza, vengono imputate mancanze gravissime: Faraguna non vuole bene a questo sindaco e a questa Giunta (l'uso delle minuscole e maiuscole è testuale).

Ma Pietro è giovane, quindi gli è dovuto un po' di comprensivo paternalismo: "Prima di sparare a zero (su cosa? buh) forse bisognerebbe essere più attenti" consiglia l'esperto Barbo. Che chiude il duro monito con un messaggio la cui comprensione è riservata agli iniziati dei riti serracchianici: "Altrimenti ne esce un parere fin troppo nascosto!".

Già, fin troppo. Infatti nessuno l'ha ancora trovato.
Così come, quelli del PD, nessuno li ha ancora capiti.

Il post completo di alcuni commenti.

 
Share on Google Plus

About Paolo Rovis