- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

MARÒ ITALIANI ANCORA IN INDIA, MA TRIESTE TOGLIE LO STRISCIONE DI SOLIDARIETÀ.


La vicenda dei due Marò italiani ingiustamente trattenuti in India si protrae, mentre gli sforzi diplomatici non sembrano produrre risultati concreti. Solidarietà e vicinanza a Massimiliano La Torre, Salvatore Girone e alle loro famiglie: questo il senso dei tanti striscioni affissi su edifici pubblici in tutta Italia.

Anche Trieste ha partecipato all'abbraccio ai nostri militari. Ci sono volute parecchie sollecitazioni da parte del centrodestra. Io stesso, già il 23 febbraio scorso su questo blog e in un'intervento nell'Aula municipale, invitavo a non rimanere indifferenti. L'Amministrazione comunale a guida PD ha, infine, aderito alla richiesta, esponendo sulla facciata del Municipio, in piazza Unità d'Italia, un visibile e simbolico segno di solidarietà. 

Ma, evidentemente, quella solidarietà era a tempo determinato. E sembra che oggi sia scaduta. Perché i Marò sono ancora in India, ma lo striscione non c'è più. 

L'ha fatto togliere il sindaco Cosolini, annunciando la decisione con questo comunicato stampa:


I MARO’ ITALIANI: CONSIDERATA LA COMPLESSITÀ E IL PROLUNGARSI DELLA TRATTATIVA DIPLOMATICA, TOLTO LO STRISCIONE DAL MUNICIPIO
Il sindaco Roberto Cosolini, sentiti i consiglieri comunali di maggioranza e minoranza e considerate le complesse e lunghe trattative diplomatiche per la liberazione dei marò italiani in India, di comune accordo hanno deciso di togliere lo striscione dal Municipio.
La solidarietà con i marò italiani sarà espressa in futuro con altre iniziative.

Non so quali consiglieri di minoranza abbiano dato l'avvallo al sindaco. Ma io sono un consigliere comunale dell'opposizione di centrodestra. Contrariamente a quanto afferma il comunicato, non sono stato sentito.

E io non sono per niente d'accordo sulla scelta di rimuovere anzitempo lo striscione di solidarietà ai nostri Marò.

La foto a sinistra nel riquadro è stata tratta dal sito del quotidiano "Il Piccolo".
Share on Google Plus

About Paolo Rovis