- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

REFERENDUM #GIUSTIZIAGIUSTA: OLTRE CENTO FIRME IN DUE ORE AL BANCHETTO DI TRIESTE DEL POPOLO DELLA LIBERTA'.

Il banchetto di Trieste con, da sinistra a destra:
Paolo Rovis, Christian Puntaferro, Lucrezia Chermaz, Claudio Grizon.


COMUNICATO STAMPA

REFERENDUM #GIUSTIZIAGIUSTA: OLTRE CENTO FIRME IN DUE ORE AL BANCHETTO DI TRIESTE DEL POPOLO DELLA LIBERTA'.

Oltre cento firme in poco più di due ore. Un ottimo risultato per l'iniziativa organizzata da Paolo Rovis, consigliere comunale triestino del Popolo della Libertà, assieme a Claudio Grizon, capogruppo PDL in Provincia di Trieste, Lucrezia Chermaz, capogruppo PDL in Terza Circoscrizione e Christian Puntaferro, consigliere in Quinta Circoscrizione.

"Ci sono stati anche problemi di "sovraffollamento" con alcune code per firmare" - ha dichiarato un soddisfatto Paolo Rovis - "a dimostrazione che quello di una "giustizia giusta" è un tema sentito dai cittadini, non meno di altri, gravi problemi che riguardano la vita reale e quotidiana di famiglie e imprese italiane".

I quattro esponenti del Popolo della Libertà hanno aderito, con tempestività, alla "mobilitazione" a sostegno dei referendum sulla giustizia promossi dai Radicali, in linea con le indicazioni politiche del presidente Silvio Berlusconi e della Direzione nazionale del Popolo della Libertà.

"Abbiamo accolto l'appello all'impegno concreto rivolto per iscritto dal senatore Denis Verdini a tutti i dirigenti del PDL" - hanno aggiunto Rovis, Grizon, Chermaz e Puntaferro - "allestendo in poche ore un punto di raccolta firme nel luogo più centrale di Trieste. È stata anche una preziosa occasione di contatto diretto con tanti Triestini, di scambio di opinioni e proposte sui molti grandi e piccoli problemi della città, dei rioni e della provincia di Trieste.".

L'iniziativa verrà ripetuta con l'auspicio, ha concluso il consigliere Rovis "che il risultato delle 500mila firme sul territorio nazionale venga abbondantemente raggiunto. Si sancirebbe così la sensibilità garantista e liberale di tanti cittadini italiani e la volontà popolare di affrontare un tema non più rinviabile".
Share on Google Plus

About Paolo Rovis