- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

TRADITORI DELL'ITALIA

Giulio Terzi e Mario Monti.


Traditori dell'Italia
di Alessandro Sallusti

pubblicato su "Il Giornale" del 22 marzo 2013

Monti rinnega la parola data e restituisce i nostri marò all’India. Il mondo ride di noi, il Paese è umiliato.

Un Paese non può vivere di solo spread, di tagli agli stipendi della casta o di presunti conflitti di interesse. 

Qualsiasi agenda deve avere al primo punto il rispetto della bandiera simbolo della nazione, dignità e orgoglio, difesa di chi serve lo Stato rischiando la vita. Tutto il resto ne discende. 

E invece siamo ripiombati nell'italietta di inizio secolo scorso: debole, confusa, pasticciona, ingrata, senza nerbo e parola. 
Lo dobbiamo a Monti e al suo governo. Nel giro di una settimana prima hanno tradito la parola data agli indiani, poi quella a noi italiani e al mondo intero. 

Il caso è quello dei due marò del San Marco arrestati in India. Ce li avevano rispediti in licenza per qualche settimana con l'assicurazione di un loro ritorno per il processo. Abbiamo annunciato con squilli di tromba che ce li saremmo tenuti, ma di fronte all'India che ha mostrato i muscoli (e non solo quelli) abbiamo calato le braghe: sono già in volo verso New Delhi, con tante scuse.

Questo è Monti, l'uomo che doveva ridarci la credibilità internazionale che ci avevano fatto credere persa. 

Questo è Terzi, il ministro già ambasciatore in America. 
Questa è l'Italia dei tecnici voluta e sostenuta dai salotti di banchieri e intellettuali, dai giornaloni della sinistra. 

Una manica di incapaci, egoisti ed egocentrici, senza alcuna legittimazione, traditori di parole date (ricordate il «mai mi candiderò» di Monti?). Volevano suonare l'Italia e gli elettori li hanno suonati, volevano cantarle all'India e il mondo l'ha cantata a loro. Hanno preso ordini non dagli italiani ma da capi di Stato e governo stranieri.

Altro che Grillo e democrazia pop a Cinque stelle. Quando qualcuno pensa di prescindere dalla politica, il risultato è quello oggi dei marò e domani delle banche chiuse su disposizione della Merkel o chissà cos'altro. 


Quello che serve è un governo politico e forte. Bersani sta ripetendo l'errore-orrore di Monti: pensare alla sua salvezza e non alla nostra e del Paese. Dice no a un patto col Pdl, l'unica soluzione indicata dalle urne. 

Anche noi siamo molto, ma molto scettici. Ma allora la soluzione è una sola: tornare a votare e subito. O cambia idea, oppure ogni giorno che Bersani perde nella speranza di rubare il consenso a un pugno di grillini è un giorno in più in cui l'Italia viene umiliata e messa sempre più a rischio. 
Anche se ci riuscisse, cosa improbabile, il suo sarebbe un governo talmente debole che saremmo in balia del mondo intero più di quanto lo siamo con Monti. Napolitano ci pensi bene prima di avventurarsi su strade ad alto rischio.
Share on Google Plus

About Paolo Rovis