- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

1° CONGRESSO PDL TRIESTE: IL MIO INTERVENTO.




Gentili amiche, cari amici, esimio professore e senatore Gaetano Quagliariello,

consentitemi di condividere con voi l’emozione che provo nel partecipare al Primo congresso del nostro Partito. Entrando ci siamo salutati in tanti: voi oggi qui, alla Stazione Marittima di Trieste, non riempite solo una sala. Riempite davvero il cuore.

Sen. Quagliariello, lei qui, in questa sala, non trova un partito degli “ex”, di quelli che stanno insieme per un matrimonio combinato da altri, vivendo da separati in casa, guardandosi in cagnesco.

Per usare l’azzeccata definizione del segretario Alfano, lei a Trieste trova un “Popolo della Libertà al 100%”: unito nei valori, negli ideali, nei programmi che ci accomunano in un’unica forza identitaria e popolare, capillarmente radicata in tutte le componenti sociali del nostro territorio.

Ma ancora 10 anni or sono, se ci fossimo incontrati a Trieste, lei avrebbe potuto constatare come un PdL ante-litteram già era stato fondato. Forza Italia e Alleanza Nazionale hanno condiviso, dal 2001 al 2011, l’esperienza di due mandati di governo del capoluogo regionale in un rapporto coeso, sinergico, proficuo, teso alla politica del “fare”.

Quello riunito qui oggi è quindi un Partito fatto di persone mature, consapevoli, lucide.
Noi ne siamo orgogliosi. Noi siamo orgogliosi del nostro Popolo della Libertà.

Ma sappiamo anche che la costruzione di un grande Partito non finisce mai. E sappiamo che mentre si sovrappongono i mattoni possono manifestarsi difetti da correggere affinché la solidità del manufatto non venga compromessa.

Chiediamoci perciò - e lo chiedo per primo a me stesso – se davvero abbiamo sempre operato per coinvolgere iscritti ed elettori nelle scelte politiche e programmatiche o se, invece, non siamo in qualche caso scivolati nell’autoreferenzialità, riservando ad ambiti troppo esigui la responsabilità delle decisioni.

Chiediamoci se davvero ci siamo avvalsi di tutte le potenzialità intellettuali, umane, politiche di cui il nostro Partito dispone o se invece abbiamo preferito talvolta rifugiarci in un comodo usato sicuro.

Chiediamoci quante volte sia prevalso il merito e quante, invece, si è imposta la logica dei veti incrociati, dei personalismi destinati a dividere anziché unire.

Chiediamoci ancora se debba continuare a essere l’incompatibilità di legge l’unico limite per accedere e mantenere più cariche elettive o se, invece, non sia opportuno che i perimetri vengano definiti con regole interne più restrittive.

Non ho la presunzione di avere le risposte in tasca. Ma sono fiducioso che il Coordinamento provinciale che oggi eleggeremo saprà affrontare questi e altri temi con lo spirito della collegialità e della partecipazione già auspicati dal segretario Alfano.

Presidente Quagliariello,

a Trieste nel 2012 non si vota per le amministrative. L’abbiamo già fatto l’anno scorso, quando abbiamo sostenuto, lealmente e con vigore, candidature imposteci da Roma.

Il territorio, in quella circostanza, non ha potuto scegliere. E ora, dopo 10 anni di buon governo della città, siamo all’opposizione.

Oggi però non siamo qui per recriminare, ma per guardare avanti. Tuttavia, non possiamo esimerci dal rivolgere un appello affinché, davvero, si faccia tesoro degli errori del recente passato.

Quando Trieste sceglie per Trieste, il Popolo della Libertà vince. Siamo sempre stati disposti ad assumerci la responsabilità delle nostre scelte e dei risultati conseguenti: vorremmo poter riprendere questa sana abitudine.

Fra poco più di un anno le urne si apriranno in Friuli Venezia Giulia per le elezioni Regionali.

Nel 2008 il PdL-Trieste è stato determinante per la vittoria del presidente Renzo Tondo. Noi l’abbiamo appoggiato con lungimiranza da ben prima dell’ufficializzazione della candidatura.

Nel 2013 vorremmo ripetere quel risultato. E vorrei che un PdL riformato, rinnovato e rinvigorito possa venire investito dagli elettori anche della responsabilità di governare l’Italia, dopo l’anomala parentesi del governo Monti.

E’ doveroso riprendere con forza il percorso riformatore che il presidente Berlusconi ha dovuto interrompere nel 2010, colpito da attacchi di ogni tipo, senza precedenti nella storia della Repubblica.

Ma per farlo, per un PdL ancora protagonista e forza di governo nella nostra Regione e in Italia, è necessario liberarci da pesi ormai non più sostenibili.

Una mongolfiera si alza nel cielo solo quando è gonfiata dal consenso e la zavorra viene lasciata a terra. E chi guida la mongolfiera del Popolo della Libertà, a tutti i livelli, deve avere il coraggio di gettare dal cestello i sacchetti aggrappati a bordo solo per impedirne il volo.

Troppo spesso abbiamo visto premiare chi ha lavorato per distruggere. Così ritenendo - e clamorosamente sbagliando – di “comprare” fedeltà e sostegno.

E troppo spesso abbiamo visto sottovalutare o perfino snobbare lealtà, lavoro, capacità, passione, consenso.

Gli elettori si recuperano e si tengono vicini quando si abbandona l’ambiguità, quando si riconoscono qualità e merito, quando le scelte sono chiare e motivate.
Quando a ciò che si afferma seguono fatti coerenti.
Quando i cittadini riconoscono il lavoro svolto.
Ma perché lo possano fare c’è bisogno di un elemento imprescindibile: che si lavori davvero.
Teniamone conto quando compiliamo le liste delle candidature: gli elettori ci premieranno.

Presidente Quagliariello, amiche, amici,

io confermo, anche a nome di diversi iscritti, la mia fiducia e il mio pieno supporto a Sandra Savino e a Piero Tononi.

Sono certo del loro impegno, anche nelle azioni che ho appena delineato. E sono certo che riusciremo a far sì che i nostri elettori, nuovamente motivati, possano di riconoscersi in un motto, liberamente parafrasato dalla pubblicità di una nota marca di pasta Italiana:

Dove c’è Pidielle, c’è casa.



Grazie per la vostra attenzione.                                                            Paolo Rovis
Share on Google Plus

About Paolo Rovis