- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

La "Fontana del Nettuno" restaurata e ricollocata in piazza della Borsa. Da oggi di nuovo funzionante.

Ha ripreso a funzionare la "Fontana del Nettuno", completamente restaurata e ricollocata nella sua posizione originale, in piazza della Borsa, a sua volta ormai quasi interamente ripavimentata.

Un intervento complessivo deciso dal Comune di Trieste per ridare l'antico lustro all'originale piazza, di forma triangolare, che "introduce" a piazza Unità d'Italia.

Con questo intervento si può dire conclusa l'opera di riqualificazione del "cuore" di Trieste: aree pedonali più estese, palazzi valorizzati, maggiore qualità ambientale a beneficio dei cittadini e dei sempre più numerosi turisti.

Di seguito una breve storia della Fontana, tratta dal sito del Comune di Trieste.

nettuno3.jpgIl 24 marzo 1755 il primo tenente d'artiglieria ingegnere Giovanni Corrado de Gerhard, direttore della Commissione alle Fabriche, stese con Giovanni Mazzoleni l'accordo "per l'erezione d'una fontana vicino al Canal Piccolo nella Città Teresa". Il contratto, approvato il 5 aprile dal capitano civile e comandante militare conte de Hamilton, prevedeva la realizzazione dell'opera a norma di un disegno generale, a cui lo scultore doveva attenersi non solo nelle dimensioni indicate, ma soprattutto nell'aspetto del gruppo scultoreo.All'epoca, il luogo sul quale venne eretta questa elegante fontana era un'area appena interrata che sul lato verso la Città Vecchia era delimitata dal tracciato delle mura medievali, fatte demolire con decreto del 1749 dall'imperatrice Maria Teresa, e l'unico grande edificio allora esistente era quello della Dogana (1750-54). Quest'ultimo si presentava come un'estesa costruzione di forme lineari, decorata unicamente da un ampio balcone sovrapposto al portale di forme settecentesche ed era collocato sul fondo dove ora sorge il Palazzo del Tergesteo. Il sito ancora extraurbano si apriva direttamente verso il mare in linea con il Canal Piccolo, ancora esistente sull'area poi interrata per la costruzione del palazzo della Borsa: sarà quindi molto più tarda la valorizzazione scenografica di questa piazza dalla forma di triangolo irregolare, in cui la fontana si è col tempo trovata in una posizione nè esattamente al centro, nè in un punto funzionalmente coerente alla struttura urbanistica del luogo.

nettuno2.jpg Con il pretesto che "costituiva un forte ingombro alla viabilità", il 9 giugno 1930 la fontana fu tolta dal luogo che l'aveva ospitata per ben 165 anni. Smontata, rimase nei depositi comunali fino a quando, il 30 giugno 1951, la nuova ricostruzione attuata dallo scultore Nino Spagnoli e promossa dalla Società di Minerva - fu inaugurata in piazza Venezia alla presenza del sindaco Gianni Bartoli. Il lavoro di montaggio comportò allo Spagnoli un difficile impegno di restauro e ricostruzione dei numerosi pezzi della fontana, mal conservati o dispersi durante i lunghi trentun'anni di deposito.
La fontana fu collocata nel punto in cui sorgeva il monumento a Ferdinando Massimiliano, da qui allontanato per motivi politici nel 1920. Bene si inserì questa fontana, circondata da un piccolo giardino munito di comode panchine tra alberi e fiori, in una piazza dal limpido scenario sul mare aperto, degno dello sguardo dominatore del dio Nettuno.

Da oggi, la Fontana ha ripreso a funzionare nella sua collocazione originaria, in piazza della Borsa.
Share on Google Plus

About Paolo Rovis