- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

Regione: soddisfatti e rimborsati.


"Corretto, ma inopportuno." Questo il commento del presidente del Consiglio della Regione Friuli Venezia Giulia, il leghista Eduard Ballaman, a proposito dell'aumento dei rimborsi spese deciso dai suoi colleghi. Che se lo sono auto-proposto e auto-votato per se stessi, oltre che per il presidente Ballaman. Aumenti che vanno da qualche decina a qualche centinaio di euro al mese. Per pasti consumati e kilometri percorsi. E che si aggiungono ai 110-120mila euro annui (lordi, d'accordo) già percepiti per indennità di carica e altre voci di cui vi risparmio l'elenco.

Premetto una cosa: non voglio fare alcun tipo di demagogia. Ritengo che l'amministratore, il legislatore e tutti gli incarichi pubblici vadano retribuiti e anche, se vogliamo, retribuiti bene. Perché sono compiti di massima responsabilità e svolgerli al meglio richiede studio, preparazione, dedizione, tempo, spesso rinunce nella propria attività lavorativa e nella vita privata.

Siamo però alla fine del 2009. Anno terribile per l'economia mondiale. Se è vero che l'Italia, la nostra Regione e Trieste - per motivi diversi - hanno retto meglio di altri territori, è altrettanto vero che migliaia di famiglie hanno perso o si sono viste ridotto il proprio reddito.
Aziende hanno chiuso i battenti, la cassa integrazione ordinaria e quella in deroga hanno raggiunto livelli record, l'indebitamento generale è aumentato.
La Regione si è fatta carico della situazione, ha attivato strumenti corposi ed efficaci per ridurre le difficoltà di imprese e lavoratori, mettendo a disposizione risorse ingenti.
Bene, anzi, molto bene.

Ma la politica non è solo scelte ed azioni consequenziali: se così fosse, basterebbero dei bravi dirigenti. La politica, specie se diretta espressione di un circoscritto territorio, dev'essere sensibilità e partecipazione solidale alla vita dei cittadini.

Per ciò il segnale dato con l'aumento dei rimborsi spese è pessimo. Perché divide - ulteriormente - gli amministratori dagli amministrati. Con i primi che scivolano nell'autoreferenzialità ed i secondi che, giustamente, si incazzano.

L'Aula di piazza Oberdan si è dimostrata in quest'occasione impermeabile alle problematiche comuni, insensibile agli stati d'animo ed ai tempi. E lo ha fatto in modo bipartisan, come il bon ton insegna: sui denari da auto-distribuirsi non si sono mai ingaggiate epiche battaglie fra opposti schieramenti.

Abbiamo sentito giustificazioni che, francamente, hanno peggiorato la situazione. "Lavoriamo un giorno in più" e "percorriamo più kilometri". Mah...

Si augurino piuttosto che, al momento di ri-chiedere il voto, il pensionato con la minima, la casalinga o l'operaio in cassa integrazione, alle prese con ben più pressanti problemi quotidiani, abbiano dimenticato questo infelice e goffo provvedimento.
Magari per averne sostituito il ricordo con quello di qualche azione legislativa di respiro un po' più ampio e, sperabilmente, utile all'intera collettività regionale.
Share on Google Plus

About Paolo Rovis