- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

LA MONETA PIÙ BELLA DEL MONDO? È ITALIANA!


LA MONETA PIÙ BELLA DEL MONDO? È ITALIANA!

La bellissima opera di Maria Carmela Colaneri è stata insignita del prestigioso riconoscimento. Nella Collezione 2017 della Zecca italiana anche altre monete celebrative, tra le quali quella dell'imperatore Adriano e dell'indimenticabile Totò.

3 febbraio 2017

L'Italia di nuovo sul gradino più alto del podio della creatività e della bellezza. Come riporta Virginia Piccolillo sul Corriere della Sera, la moneta che vedete nella foto in alto si è aggiudicata un doppio riconoscimento mondiale: il premio Coin of the Year quello per la moneta dal maggior valore artistico. Il premio verrà attribuito nel corso del World Money Fair di Berlino, il più prestigioso evento numismatico internazionale.

Autrice della bellissima opera è Maria Carmela Colaneri, già insignita del premio alla carriera due anni fa, e fautrice del primato conquistato ora dalla Zecca Italiana in una competizione con oltre 40 consorelle di altrettanti Stati.

La moneta ha un valore nominale di 10 euro, è ispirata all’allegoria del buon governo di Ambrogio Lorenzetti e celebra i 70 anni di pace in Europa.

Guardatela, ma risparmiatevi la fatica di cercarla: tutti gli esemplari della moneta sono ovviamente già andati esauriti!

Della Collezione Numismatica 2017 fanno parte anche diverse altre monete celebrative. Fra tutte, segnaliamo quella dedicata ad Adriano, della serie "Imperatori Romani". Coniata in oro, è disegnata da Maria Grazia Urbani.

E, ancora, il conio dedicato ad Antonio de Curtis, in arte Totò. L'autrice Uliana Pernazza ricorda il cinquantenario della scomparsa dell'amatissimo attore. Abbinando con ottima tecnica due leghe di metallo: il bronzital e il cupronickel.

Anche attraverso le monete da collezione si esprimono l'arte e la storia italiane, assieme a quell'amore per la bellezza che fanno del nostro Paese un unicum inimitabile.

Foto: Istituto Poligrafico Zecca dello Stato
Share on Google Plus

About Paolo Rovis