- See more at: http://www.bloggerhow.com/2012/07/implement-twitter-cards-blogger-blogspot.html/#sthash.nOhSHGGv.dpuf

TRIESTE TURISTICA: UN 2010 DA OSCAR!

ILLUSTRATO DALL'ASSESSORE PAOLO ROVIS IL BILANCIO DEL FLUSSO TURISTICO CON UN AUMENTO, NEGLI ULTIMI 5 ANNI, DI OLTRE IL 31%.

“Per Trieste il 2010 è stato un anno da Oscar”, non usa mezzi termini l’assessore comunale allo Sviluppo economico e Turismo Paolo Rovis che, assieme al sindaco Roberto Dipiazza, ha illustrato questa mattina (venerdì 11 marzo), nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nell’hotel Vis a Vis di piazza dello Squero Vecchio, i rilevanti risultati ottenuti in questo specifico settore dell’economia cittadina.

“Mettendo a confronto il 2009 con il 2010, a Trieste – ha spiegato Paolo Rovis - abbiamo visto 264.987 arrivi (+20.977) con un + 8,6% rispetto all’anno precedente e 664.045 presenze (+ 31.999) con un +5,1% e tutto ciò mentre in Italia, nello stesso periodo sì è riscontrata una diminuzione di arrivi del –4,2% e di presenze del –4,8%, mentre su base regionale gli arrivi sono stati del + 1,8% e le presenze del –1,9%. A ciò si aggiunge che la percentuale dei nuovi arrivi a Trieste su totale della Regione e pari al 59,7%”.

Numeri che collocano Trieste ai vertici nazionali per percentuali di crescita turistica.

“Dati davvero soddisfacenti quelli del flusso turistico in città che, se il confronto si estende al 2005-2010, ovvero i 5 anni di attività amministrativa - sottolinea l’assessore Rovis - vede rispettivamente salire gli arrivi al +31,7% (passando da 201.241 del 2005 alle 264.987 del 2010) e le presenze del +31% (da 506.862 a 664.045)”.

“Anche le strutture ricettive – ha aggiunto l’assessore - in questi ultimi 5 anni hanno visto un notevolissimo incremento per qualità e quantità: passando da 116 a 180, con un + 17,5% per gli alberghi (da 40 a 47) e un +170% dei B&B (da 24 a 65). Esclusi i campeggi e le strutture a carattere sociale, i posti letto complessivi sono passati dai 3.518 del 2005 ai 4.664 del 2010, con un +32,6%”.

“In cinque anni – ha detto ancora Rovis - abbiamo realizzato una crescita costante, frutto della positiva collaborazione del Comune di Trieste con Turismo FVG E Promotrieste e soprattutto con quegli operatori privati che con lungimiranza hanno investito nella nostra città, raggiungendo risultati davvero interessanti, basti pensare ad esempio che, con una permanenza media di 2,5 giorni a persona, Trieste ha raggiunto lo stesso livello delle grandi città d’arte italiane”.

Il flusso turistico mette in evidenza che, sempre confrontando il 2009 al 2010, le nazioni di provenienza dei turisti stranieri vedono l’Austria al primo posto con un +15,93%, seguita da Germania +25,54%, Regno Unito +3,76%, Francia +6,53%, USA + 1,73%, Svizzera +25,57% e Spagna +16,62%. Per quanto riguarda il numero di arrivi in città da regioni italiane al primo posto c’è la Lombardia +8,44%, seguita da Lazio –4,63%, Veneto +7,68%, Emilia Romagna +6,52% e Piemonte 4,85%.
La distribuzione degli arrivi, evidenzia Rovis “a Trieste è già destagionalizzata, spalmandosi sui tutti i 12 mesi dell’anno”

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Roberto Dipiazza che ha voluto sottolineare il concreto impegno profuso dall’amministrazione comunale per valorizzare la città, rendendola più bella e attrattiva anche con interventi al suo patrimonio storico e culturale, come ad esempio il castello di San Giusto o Villa Sartorio. “Per chi ancora non crede alla valenza turistica di Trieste – ha aggiunto il sindaco Roberto Dipiazza - bastano questi dati e questi numeri per smentirlo e fugare delle polemiche di bassa macelleria”.

Dipiazza ha infine evidenziato come, anche attraverso film e spot che avuto come protagonista la città, la stessa sia riuscita ancor più a farsi conoscere “perché la pubblicità è l’anima del commercio e anche del turismo”.

Da segnalare che sia il sindaco Roberto Dipiazza che l’assessore Rovis nel corso dell’incontro hanno voluto ricordare la figura e l’opera profusa proprio sul fronte del turismo da Gilberto Benvenuti, recentemente scomparso.

Ricordando ancora i quasi 30 mila contatti all’ultima rassegna fieristica svoltasi nei giorni scorsi a Padova, l’assessore Paolo Rovis ha infine consegnato ai giornalisti un curioso “cadeau”, un simpatico portacenere da tasca che sarà donato ai turisti, ulteriore segno dell’attenzione per il rispetto dell’ambiente e del decoro urbano.

(Comunicato a cura di Giovanni Cernoia, Ufficio stampa del Comune di Trieste)


Share on Google Plus

About Paolo Rovis